La tua terra è incolta? Il bando GAL te la fa recuperare

Kras, Carso, Karst!

È stato pubblicato oggi sul BUR Regionale (#39, 26 settembre 2018) il bando dedicato al recupero di terreni inutilizzati nella nostra area GAL cioè da tutto il Carso triestino e goriziano fino ai Comuni istriani di Muggia e Dolina. Chi ha l’interesse a coltivare un terreno incolto, di proprietà o in affitto, potrà rimetterlo in produzione sfruttando fino a 20.000 euro di fondi pubblici per domanda finanziata dal bando. L’investimento richiesto nel bando potrà essere composto per il 50% da fondi pubblici e per il restante 50% giustificabili in denaro o dal lavoro in proprio dell’agricoltore utile a rimettere in produzione la terra.

Il bando è intitolato “Risistemazione fondiaria tramite trasferimento di best practice” ed è il primo bando pubblicato dalla Strategia di Sviluppo Locale 2014-2020, convalidata dalla Regione Fvg nel dicembre 2016.

I BENEFICIARI DEL BANDO
Possono essere aziende agricole singole o associate, anche organizzate assieme in un soggetto formale, attive nella produzione primaria di prodotti agricoli.

COSA SI PUÒ FINANZIARE IN PRATICA
Le operazioni attivabili consistono nella realizzazione di investimenti che comprendono le seguenti operazioni:
– risistemazione fondiaria del fondo anche con fresature delle pietre;
– ripristino della sostanza organica con ammendanti di origine naturale;
– recinzione e recupero di terreni con utilizzo di materiale locale e di origine naturale in abbinamento a tecnologie consolidate;
– risistemazione degli elementi del paesaggio (siepi, muretti a secco, pulizia muretti a secco) presenti e legati all’utilizzo del fondo oggetto di intervento.

COME FARE LA DOMANDA PER ESSERE FINANZIATI
Ogni domanda va presentata entro il entro il 27 dicembre 2018. Il procedimento per fare la domanda è tecnico e complesso. Sono a disposizione per una consulenza e per presentare le domande i Centri di Assistenza Agricola (CAA), emanazione dei sindacati degli agricoltori. Ogni dettaglio per presentare la domanda è specificato nel bando ed è tua responsabilità conoscerlo: leggi il bando, l’allegato A, l’allegato B, l’allegato C e il Modello di calcolo dell’investimento.

EVENTI DAL VIVO PER CAPIRNE DI PIÙ INSIEME
Il GAL organizza tre eventi per accogliere domande e chiarire di persona i contenuti del bando. Ci troviamo:
– lunedì 1 ottobre alle ore 19 presso la sala ZKB a Opicina, in via del Ricreatorio 2
– lunedì 8 ottobre dalle ore 17 alle 19, presso l’azienda agricola Castelvecchio, Località Castelnuovo, 2, Sagrado (Gorizia)
– lunedì 15 ottobre dalle ore 17 alle 19, presso la Sala consigliare del Comune di Dolina, località Dolina 270.

APPROFONDIMENTI SUL BANDO
– Scarica il bando, l’allegato A, l’allegato B, l’allegato C e il Modello calcolo d’investimento
– Guarda l’area di competenza del GAL: all’interno di quest’area ci devono essere i terreni oggetto di finanziamento del bando
– Contatta il GAL: scrivi a info@galcarso.eu e ti risponderemo entro 5 giorni lavorativi. Oppure vieni a trovarci, concordando un appuntamento, sempre scrivendo a info@galcarso.eu

Un nuovo prodotto per Muggia: “E-bike & wine sui colli istriani”

C’è un nuovo prodotto organizzato per i turisti del nostro territorio: si tratta di un tour sulle colline sopra Muggia, realizzato da GAL Carso e Viaggiare Free, su mandato del Comune di Muggia.

Dal nuovo infopoint & bikepoint di Muggia puoi noleggiare una e-bike e regalarti uno splendido giro su colli curati a vigne, uliveti e con una splendida vista sull’Adriatico. Puoi visitare due aziende agricole importanti, assaggiando i loro prodotti: olio, vino, salumi… E, se ti va, puoi anche farti accompagnare da una guida dal team di guide turistiche in bici di Viaggiare Free. Questo è il video dell’esperienza:

LO SVILUPPO DEL SISTEMA TURISTICO DI MUGGIA
Il Comune di Muggia ha dato mandato al GAL Carso di sviluppare la promozione turistica del territorio. Per far questo, il GAL ha proposto agli operatori di creare dei progetti concreti, di svilupparli assieme al GAL e di socializzarli tra gli altri operatori e gli altri enti pubblici. Il prodotto “e-bike & wine” ripreso in questo video è stato realizzato col fine di sviluppare il sistema turistico muggesano ovvero poter ampliare l’offerta di “cose da fare” da offrire ai turisti.

tour ebike muggiaCONTATTI PER NOLEGGIARE UNA E-BIKE A MUGGIA E PER IL TOUR IN BICI DEI COLLI MUGGESANI
*** e-mail: valdi@viaggiareslow.it
*** telefono: (0039) 370 360 8319

«Guida l’innovazione»: parte il corso U LAB del MIT promosso dal GAL

U LAB

Parte in questi giorni ‘U LAB‘ il corso del MIT di Boston dedicato a formare “leader” del cambiamento e per il quale il GAL Carso organizza la promozione e una serie di eventi sul nostro territorio. Il corso, concepito dal Presencing Institute del MIT è diffuso gratuitamente via internet in tutto il mondo e ha una rete mondiale di professionisti, liberi cittadini e organizzazioni che lo seguono e promuovono.

L’idea di fondo del corso è che, se vogliamo cambiare la società, il nostro territorio, oppure creare o sviluppare un nuovo prodotto o servizio, prima di tutto dobbiamo cambiare noi stessi. Il corso propone una visione del mondo in cui viviamo ma anche suggerisce metodi di lavoro, sia utili alla gestione di gruppi, che all’introspezione (uno di questi metodi è proprio una pratica di mindfulness ovvero di meditazione). ‘U LAB’ è dedicato a formare “leader” nel senso di coach e mentor: questa figura è concepita come un creatore di spazi protetti di ascolto, collaborazione e crescita intorno a progetti innovativi concreti.

Il GAL promuove il corso e organizza degli eventi per chi su questo territorio vuole confrontarsi da noi coi metodi proposti da Boston, utili ad agire. Il GAL enfatizza l’importanza per chi opera sul nostro territorio di aumentare la sua educazione su alcune capacità su cui U LAB fa formazione ovvero : «The leadership knowledge that matters most: self-knowledge» (la conoscenza di leadership più importante: la conoscenza di sè), «Capacities of deep listening, precise observation, and dialogue» (capacità di ascolto profondo, osservazione precisa e dialogo), «Practices for creating institutional innovations that generate wellbeing in society» (pratiche per creare innovazioni istituzionali che generino benessere nella società).

La lezione introduttiva ‘0x’ di U LAB è già disponibile online.

GLI INCONTRI SUL TERRITORIO DI CARSO, ISTRIA E TRIESTE
Il primo appuntamento sul territorio del litorale, organizzato dal GAL, è previsto per giovedì 20 settembre a Trieste dalle 15.45 alle 18.00, presso Laby, al piano in via Cicerone, 4.
Per questo evento, prevediamo:
– 15′ per arrivare e sederci comodi nella sala predisposta da Laby
– 60′ di sessione live streaming in diretta da Boston, da seguire insieme
– 60′ di workshop guidato dal GAL per iniziare a conoscerci

L’antropologa Margaret Mead ha scritto un giorno: «Non dubitare mai che un piccolo gruppo di cittadini pieni di idee e passione possa cambiare il mondo; in verità, è la sola cosa che ci sia mai riuscita».

INFORMAZIONI E PER INIZIARE IL CORSO, ORA:
la lezione introduttiva ‘0x’, già adesso disponibile
la pagina del corso U LAB vero e proprio (1x), che sarà disponibile gratuitamente dal 13 settembre
l’invito pdf in italiano e l’invito pdf in sloveno a U LAB predisposti dal GAL
– scrivi a Enrico Maria Milič del GAL Carso, milic@galcarso.eu, per ottenere altre informazioni

 

Più di 100 operatori internazionali in Carso questo week end

Visitatori da Antonič a Ceroglie

Oltre 100 professionisti del turismo provenienti da tutto il mondo saranno presenti in Carso in questo week end, ad assaggiare specialità tradizionali, a incontrare la comunità locale e a fare esperienza del nostro patrimonio naturale.

Tutto questo capita nella cornice creata da PromoTurismoFvg che dal 6 al 10 giugno organizza “BuyFVG”, la sesta edizione della Borsa del turismo regionale. Per i giorni da venerdì a domenica, il GAL Carso ha dato man forte a PromoTurismoFvg e al progetto regionale ‘Strade del Vino e dei Sapori’, per stilare un calendario memorabile all’interno del nostro territorio.

gal_laudamar-4Quando arriveranno in Carso, gli operatori turistici e i giornalisti saranno divisi in gruppi, a seconda delle loro competenze e dei loro interessi tematici, col calendario che segue:

– Giovedì 7 giugno, azienda vitivinicola Castello di Rubbia, non lontano da Savogna d’Isonzo. Qui incontreranno non solo Nataša Černic e i vini autoctoni dell’azienda del Carso goriziano, ma anche altre nostre aziende che offrono servizi turistici come degustazioni in cantina, tour guidati in bici e eventi sportivi.

– Venerdì 8 giugno, la prima esperienza degli ospiti sarà la “passeggiata del pastore” assieme alle pecore istrocarsoline e al pecorino dell’azienda agricola Antonič di Ceroglie (Duino). Il secondo appuntamento è presso l’azienda agricola Bajta di Sales (Sgonico), nota per la sua produzione artigianale di salumi e vini autoctoni.

Bajta– Sabato 8 giugno, i nostri ospiti saranno sul pescaturismo dell’azienda ‘Laudamar’, a conoscere il Golfo, a vedere dal mare il Castello di Miramare, il Carso e Trieste, nonché a saperne di più della coltivazione di mitili nostrani (e per i più coraggiosi ci sarà la possibilità di fare un tuffo dalla barca!). A pranzo un gruppo sarà presente allo storico agriturismo Ostrouska, specializzato in salumi e vini e posto nella cornice bucolica del paese di Sagrado (Repen).

Gli ospiti della nostra regione sono arrivati ieri in Regione e giungono da 25 Paesi, ovvero Austria, Belgio, Canada, Croazia, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Gran Bretagna, Islanda, Italia, Kazakistan, Lettonia, Norvegia, Olanda, Polonia, Repubblica Ceca, Russia, Slovacchia, Spagna, Svezia, Svizzera, Ucraina, Ungheria, USA.

(alcune foto sono di Fulvio E. Bullo pubblicate su cortesia di Joseph)

Sabato 26: escursione a piedi tutti insieme su Alpe Adria Trail

Schermata 2018-05-18 alle 16.00.18

Sabato 26 maggio è prevista la cerimonia d’inaugurazione della stagione turistica lungo l’Alpe Adria Trail, il sentiero mitico che collega le alpi austriache con il Carso e l’Istria, fino a Muggia.

Il GAL considera questo sentiero come un’attrazione chiave ovvero una “infrastruttura turistica” che può essere centrale nello sviluppo della nostra intera area. Già oggi Alpe Adria Trail è frequentato da migliaia di turisti ogni anno che arrivano soprattutto dal centro e nord Europa, grazie alla promozione incessante organizzata da PromoTurismoFvg e le agenzie di promozione turistica della Slovenia e della Carinzia. Per questi motivi, il GAL sabato 26 sarà presente sul trail assieme a tutti quelli che vogliono celebrare questa opera e il nostro territorio.

L’evento di sabato 26 maggio consiste in un’escursione da Iamiano a Sistiana, lungo l’ultima parte della tappa 33 di Alpe Adria Trail e prevede una passeggiata immersi nella natura del Carso alla scoperta delle sue tradizioni, della sua storia e della sua enogastronomia.

Il percorso è adatto a tutti e la partecipazione è gratuita. L’organizzazione è di PromoTurismoFvg in collaborazione col GAL Carso, i Comuni di Doberdò e Duino Aurisina, il Consorzio del Tarvisiano.

IL PROGRAMMA DI SABATO 26 MAGGIO 2018

Schermata 2018-05-18 alle 16.21.05dalle 8.45 – ritrovo presso la sede dell’Associazione “KREMENJAK” (via I Maggio 20 – Iamiano), raccolta iscrizioni e distribuzione gadgets
9.30 – cerimonia di benvenuto
9.45 – partenza accompagnati da guida naturalistica AIGAE
10.30 circa – sosta di 30 minuti nei pressi del Monumento al 65° Fanteria assieme al Gruppo storico culturale “Grigioverdi del Carso” e piccola merenda con prodotti tipici
12.00 circa – sosta di 30 minuti nei pressi del Sito Paleontologico del Villaggio del Pescatore e breve visita guidata (a cura della Cooperativa Gemina)
13.15 circa – arrivo al Castello di Duino, breve passeggiata nei giardini del Castello e brindisi
14.30 circa – arrivo all’infopoint di Sistiana e pranzo
dalle ore 15.30 alle 18.00 – rientro con autobus navetta a Iamiano

Tempo di percorrenza previsto: 3.15 ore e ettive di camminata, con le soste 5 ore

Parcheggi: presso la sede dell’Associazione “KREMENJAK” e lungo le strade di Iamiano (si invita a rispettare il codice della strada e non intralciare la viabilità ordinaria)

Si richiedono: calzature e abbigliamento adeguato, una buona scorta d’acqua ed eventualmente portare con sé la cartina Tabacco 047

Servizio navetta per tornare al punto di partenza: da Sistiana a Iamiano – autobus 51 posti garantito ogni 30 minuti dalle 15.30 alle 18.00

Note: l’evento si terrà con qualsiasi condizione meteorologica con possibili variazioni rispetto al programma originale. In caso di forti condizioni avverse, la cancellazione verrà pubblicata sul sito www.alpe-adria-trail.com il giorno prima dell’escursione

La partecipazione all’escursione (comprensiva di ingressi al sito paleontologico e al Castello di Duino), cibi, bevande e servizio navetta sono gratuiti.

Al momento della partenza saranno consegnate a tutti i partecipanti la bandana e la spilla Alpe Adria Trail che varranno da biglietto per il sito paleontologico e il Castello di Duino.

COME PARTECIPARE

E’ gradita la prenotazione inviando una mail a: info.sistiana@promoturismo.fvg.it o telefonando al +39 040 299166

COME ARRIVARE A IAMIANO

Dalla A4 prendere l’uscita Monfalcone Est, seguire le indicazioni per Gorizia e proseguire fino a Iamiano (3 km dal casello)

INFORMAZIONI IN PIU’ COSA E’ ALPEA ADRIA TRAIL?

Vai sul sito ufficiale del sentiero del nostro grande territorio.

Charimenti richiesti sull’infopoint di Muggia

Muggia CaliternaCome da domande pervenute venerdì mattina al GAL, forniamo alcuni chiarimenti per chi fosse interessato a rispondere alla richiesta di Manifestazioni d’interesse pubblicata dal GAL relativa alla gestione dell’infopoint a Muggia, a Caliterna.

1- Qual è la destinazione d’uso formale dello stabile?
Il GAL, assieme al Comune, sta formalizzando presso l’Autorità Portuale l’autorizzazione perché siano esplicitamente autorizzate attività commerciali. La pratica sarà conclusa positivamente entro il mese di maggio.

2- Che tempi avrebbe la voltura delle utenze verso il destinatario della gestione?
Il Comune si fa attualmente carico delle utenze sull’infopoint. Una volta contrattualizzato il rapporto tra GAL e gestore, il gestore procederà a farsi intestare le utenze e stimiamo che le aziende competenti (dell’elettricità, del telefono, …) avranno tempi estremamente rapidi per autorizzare l’intestazione (uno – due giorni).

3- Fino a dove giungono gli spazi di pertinenza esterni dell’infopoint, per esempio per mettervi ombrelloni, tavolini, ecc.?
Rispetto alla mappa cliccabile qui (clicca!) ed esclusa la zona a parcheggio, l’area utilizzabile è quella “a puntini”, fermo restando un semplice passaggio formale con l’Autorità Portuale fatto dal Comune e il GAL in cui questi ultimi verificheranno e eventualmente comunicheranno all’Autorità i desideri del gestore dell’infopoint in merito a tale area.

4- Come funziona la pertinenza dello spazio postico al fabbricato?
A breve, diventerà operativa un’iniziativa già in atto del Comune per cui tale area sarà a “disco orario” per le automobili.

5- Rispetto al suddetto spazio postico, è possibile destinarlo a carico/scarico per gli operatori dell infopoint e a sosta temporanea per i turisti?
Come scritto sopra, l’area sarà a “disco orario” utilizzabile dalle automobili. Gli spazi specificatamente pensati per carico/scarico restano quelli, a una cinquantina di metri di distanza, prossimi all’edificio Millo.

6- Una porta degli spazi di Caliterna per l’infopoint è fuori asse e le maniglie funzionano male. È possibile che il Comune si assuma la sostituzione o miglioramento di porte e infissi?
Sì, il Comune si assume l’onere di sistemare gli infissi nell’ottica dell’avvio dell’infopoint.

7- L’ormeggio di fronte all infopoint è di libero attracco, sia per diporto che per professionisti?
Questa domanda ha bisogno di un approfondimento con l’Autorità Portuale e verrà fatto da lunedì in poi.

Infopoint di Muggia e sviluppo del turismo: pubblicati due Avvisi dal GAL

Con lo scopo di proseguire nel suo impegno per lo sviluppo del turismo a Muggia e in tutto il territorio di competenza, il GAL ha pubblicato oggi, nella sezione Avvisi e Bandi, i seguenti due documenti:

– INDAGINE DI MERCATO – AVVISO PER GESTIRE L’INFOPOINT TURISTICO DI MUGGIA
Scadenza dalla richiesta: 21 maggio 2018
Scarica l’Avviso sull’Indagine di mercato

– AFFIDAMENTO DIRETTO PREVIO CONFRONTO CONCORRENZIALE IN MERITO ALL’ANIMAZIONE E SVILUPPO DEL SISTEMA TURISMO MUGGIA E ALLO SVILUPPO DI PROTOTIPI DI PRODOTTO TURISTICO
Scadenza dalla richiesta: 21 maggio 2018
Scarica l’Avviso sull’affidamento diretto

 

32207494_1999813897013895_6068117095017611264_o

 

“Infioriamo il porticciolo”: quando i privati si muovono al meglio per il turismo

2018-04-28-18.14.54-1

L’idea era quella di valorizzare una ‘faccia’ splendida che Muggia ha, ovvero il suo porticciolo, facendo leva sulla creatività e la partecipazione dei muggesani stessi. In pratica, l’idea di Elena Furlani, mujesana doc, si è tramutata in questi giorni in realtà: un porticciolo addobbato con tanti fiori, fioriere e vasi, per tutta la stagione turistica, con i fiori messi in posa e gestiti esclusivamente dai privati.

31947979_1997503223911629_5100095525936431104_oTutto è iniziato a partire da dicembre 2017 quando il GAL, su mandato del Comune di Muggia, ha iniziato un prezioso percorso di sostegno alle aziende muggesane che si occupano di turismo. La metodologia messa in campo dal GAL, mutuata dalla Theory U del Mit di Boston, ha voluto far focalizzare i privati prima di tutto su quello che potevano fare da soli. Ovvero, la domanda per i muggesani è stata: cosa possiamo fare senza l’aiuto degli enti e dei fondi pubblici?

A questa domanda, in una delle interviste del percorso creato dal GAL, hanno risposto sei aziende mettendo in campo sei prototipi di progetti per aiutare il turismo muggesano. Tra questi, c’era appunto anche Elena Furlani. Elena, imprenditrice con la sua gelateria in porticciolo ma anche una delle anime di una compagnia del carnevale muggesano, ha proposto di ispirarsi ai paesini tirolesi col loro noto amore, fatto di gerani e balconi, per il proprio territorio.

31960998_1998184657176819_8920648538375847936_oElena e il GAL hanno messo in circolo questa idea nel gruppo di oltre 20 aziende che si occupano di turismo a Muggia e che hanno iniziato un percorso comune. Elena ha coinvolto una ventina tra associazioni e compagnie carnevalesche, oltre alle imprese come i ristoratori che hanno sede in porticciolo e ai residenti del porticciolo stessi. Il GAL e il Comune hanno fatto la loro parte, pur tra le difficoltà della burocrazia, per fare in maniera tale che la manifestazione ‘Infioriamo il porticciolo’ potesse partire prima possibile con tutti i crismi formali dettati da Leggi, Regolamenti e così via.

Ed eccoci qua. Giovedì 10 maggio alle ore 19.30 avremo il brindisi inaugurale dell’iniziativa perché, come potete vedere dalle foto in questa pagina, i fiori sono nel porticciolo… La manifestazione non si concluderà con i fiori in bella evidenza a rivitalizzare questa parte di Muggia: una giuria premierà la fioriera più bella e chi si è preso di più la briga di tenere i fiori vivi e ben gestiti nel corso dell’anno. P.S. puoi seguire gli aggiornamenti in diretta da Muggia sui fiori del Porticciolo sulla pagina Facebook dell’iniziativa.

(alcune di queste foto sono state ‘rubate’ dal sito della splendida associazione Muja Veg: mitici!)

 

La ciclabile della salvia: una proposta del GAL per Trieste, Carso e Istria

Lunedì 23 aprile si è svolto TOURISM MATCHING, dove decine di aziende si sono incontrate per conoscere il lavoro reciproco e i servizi che offrono (vedi le foto dell’evento, qua sotto). Durante l’evento, il GAL Carso ha presentato una proposta di tracciato ciclabile tra San Giovanni di Duino, piazza Unità di Trieste e Muggia.  Ecco qua sotto il video del tracciato, girato con la go-pro da David Pizziga e Michele Fayenz:

Il presidente del GAL, David Pizziga, ha proposto quello che manca al nostro territorio ovvero una ciclabile memorabile, spettacolare, che generi il famoso “effetto wow” nei turisti che vengono o potrebbero venire qua da noi (pensate per esempio alla ciclabile sul lago di Garda, vedi questo video).

Come finanziarla, si è chiesto Pizziga? Il problema per lui è partire subito, solo mettendo in sicurezza i tratti più esposti al traffico stradale pesante e, pian piano, nel corso del tempo, creando pezzi di percorso dedicati esclusivamente alle bici (ricordando che alcuni chilometri solo per le bici, a Barcola e sulla Cottur, ci sono già).

Il ritorno economico della promozione e organizzazione di un tracciato di questo tipo, secondo Pizziga, sarebbe enorme: pensiamo a tutti i turisti di Austria e Germania che amano andare in bicicletta a passo slow nella natura e in luoghi evocativi e pieni di significato culturale, come il nostro pezzo di Mediterraneo.

Dal GAL arrivano diverse idee per dare un nome a questa ciclabile: “la ciclabile della salvia” per tutto il percorso, “la ciclabile della Vitovska e del Terrano” per il percorso tra Duino e Trieste, “la ciclabile di Malvasia e Bianchera” per il tratto tra Trieste e Muggia.

Trovate su YouTube il video del tracciato della salvia, mentre su Strava il tracciato San Giovanni di Duino – Trieste e il tracciato Trieste – Muggia.

Qua sotto le foto dell’evento TOURISM MATCHING del 23 aprile: